Veragouth e Xilema
Via Industrie 24, 6930 Bedano
Svizzera
0041 91 935 79 79
info@veragouthxilema.com

Instagram, Facebook, Linkedin


© 2021 Veragouth SA
Art direction and website:
0x000, 0xfff

Veragouth e Xilema è la definizione attuale di un’azienda protagonista in Ticino da quasi un secolo nel settore della falegnameria e carpenteria edile.

20.12.22

Il faggio

Un solido custode

8.9.22

Come funziona il nostro ufficio tecnico

Dal disegno all’opera finita di qualità. Nel mezzo, il sapere di chi ha l’esperienza diretta del legno.

18.3.22

Avart boutique

La nuova esperienza di shopping multibrand by Studiopepe

13.3.22

Reka. Swiss Travel Fund Cooperative

Innovazione e confort nelle tue prossime vacanze

18.3.22

Bagni modulari prefabbricati

La sfida per una soluzione ottimale e certificata

18.3.22

Piano direttore comunale di Lugano

Un allestimento per il futuro della nostra città

5.1.22

Il Noce

O l’albero di Giove

30.9.21

Il team Veragouth e Xilema

25 professionisti tra ingegneri, architetti, progettisti e disegnatori, 4 direttori di settore e oltre 70 operai specializzati.

25.6.21

I nostri partner

Per un servizio di qualità a 360°

14.2.21

Veragouth e Xilema ha scelto Minergie

La scelta migliore in termini di sostenibilità

13.2.21

Il Rovere (o la Rovere)

Il legno principe in falegnameria

9.2.21

Simone Cavadini

Still life per Veragouth e Xilema

8.2.21

Un padiglione nel verde

Casa al boschetto

6.2.21

La falegnameria su misura

Qualità che si riconosce al primo sguardo

2.2.21

Innesti su misura e il colore caldo del legno di rovere

Casa alle vigne

10.1.21

Veragouth e Xilema partner industriale in progetti di ricerca

Una responsabilità per il futuro

25.10.20

Nuova stazione di ricerche agronomiche

Agroscope

20.10.20

Ampie vetrate complanari, una scelta di tecnologia svizzera

Casa agli Orti

9.2.21

Simone Cavadini

Still life per Veragouth e Xilema

Raccontaci un po’ di te e del tuo percorso

Sono un fotografo di Still Life e lavoro tra Lugano e Parigi. Realizzo Still Life per vari settori, dal design alla moda, dall’arte alla cultura. Dopo aver conseguito il diploma in Graphic design presso il CSIA di Lugano nel 2008, ho combinato questa disciplina con la fotografia frequentando l’ECAL di Losanna, dove mi sono laureato nel 2012. Nel 2013 mi sono spostato a Parigi dove ho lavorato per diversi anni come primo assistente di Guido Mocafico per poi dedicarmi allo sviluppo del mio percorso personale tra arte e arte applicata.

Come definiresti la tua pratica fotografica?

Essenziale nel mio lavoro è la costante ricerca che mira a esplorare l’intersezione tra fotografia e graphic design. La formazione nel campo grafico ha influenzato molto il mio lavoro fotografico. La metodologia stessa con cui affronto un nuovo progetto è molto legata all’idea che mi è stata trasmessa durante questi studi, ovvero che una buona grafica è innanzitutto una grafica che risponde al mandato, in altre parole, che risolve il problema. Sembrerà banale ma a volte ci si dimentica di questo aspetto fondamentale concentrandosi su soluzioni puramente estetiche. Questo vale sia per l’arte applicata sia per i lavori personali: usando questi due terreni di ricerca e sperimentazione, alimento e stimolo costantemente il mio lavoro.

Le mie composizioni vanno a creare delle architetture astratte che rappresentano lo spirito innovativo e in continuo movimento dell'azienda.

Impreziosire l'oggetto attraverso la fotografia, cosa significa per te? In cosa consiste il plus valore che dai alle tue fotografie?

Mi piace andare in direzioni inaspettate, trasformando oggetti comuni in qualcosa di nuovo. In questo modo l’oggetto riesce a trattenere un po’ più a lungo lo sguardo di chi osserva, facendolo meravigliare di qualcosa che aveva già visto prima, ma senza esserne consapevole. Oltre alla cura dei dettagli e una precisa chiarezza compositiva, un altro aspetto che caratterizza la mia pratica è la ricerca di un’estrema sintesi. Quando fotografo un oggetto, tendo a rimuovere più elementi possibili semplificando al massimo la sua forma, mantenendo unicamente gli elementi necessari al messaggio che si vuole trasmettere.

Parlaci del tuo lavoro svolto con i materiali Veragouth e Xilema

In questa collaborazione con Veragouth e Xilema è stato molto importante per me poter visitare l’azienda e poter lavorare a stretto contatto con gli artigiani. Insieme con lo studio di Art Direction, abbiamo deciso di lavorare con due materiali fondamentali per la costruzione di edifici, il legno e il ferro. Il personale dell’azienda mi ha aiutato a lavorare ed affinare alcuni elementi su misura, per esempio alcune forme di legno con dettagli e profili speciali. In questo processo ho avuto modo di conoscere l’azienda e di capire come Veragouth e Xilema lavori relazionandosi con architetti molto esigenti, creando insieme a loro architetture mai scontate.
Questi elementi mi hanno aiutato a definire le immagini che avrei creato. Nel mio studio ho volutamente posizionato questi oggetti su di una superficie di plexiglass nero lucido. Questo ha creato dei riflessi neri molto precisi, capaci di dialogare con il carattere artigianale ma al contempo hi-tech dei laboratori Veragouth e Xilema: il contrasto tra il riflesso nero e il legno esalta le qualità delle diverse essenze; mentre il confronto con il ferro ne rinforza la durezza e il tecnicismo. Le mie composizioni vanno a creare delle architetture astratte che rappresentano lo spirito innovativo e in continuo movimento dell’azienda.

1-Simone Cavadini

2-Simone Cavadini

3-Simone Cavadini

4-Simone Cavadini

5-Simone Cavadini