Veragouth e Xilema
Via Industrie 24, 6930 Bedano
Svizzera
0041 91 935 79 79
info@veragouthxilema.com

Instagram, Facebook, Linkedin


© 2021 Veragouth SA
Art direction and website:
0x000, 0xfff

Veragouth e Xilema è la definizione attuale di un’azienda protagonista in Ticino da quasi un secolo nel settore della falegnameria e carpenteria edile.

20.12.22

Il faggio

Un solido custode

8.9.22

Come funziona il nostro ufficio tecnico

Dal disegno all’opera finita di qualità. Nel mezzo, il sapere di chi ha l’esperienza diretta del legno.

18.3.22

Avart boutique

La nuova esperienza di shopping multibrand by Studiopepe

13.3.22

Reka. Swiss Travel Fund Cooperative

Innovazione e confort nelle tue prossime vacanze

18.3.22

Bagni modulari prefabbricati

La sfida per una soluzione ottimale e certificata

18.3.22

Piano direttore comunale di Lugano

Un allestimento per il futuro della nostra città

5.1.22

Il Noce

O l’albero di Giove

30.9.21

Il team Veragouth e Xilema

25 professionisti tra ingegneri, architetti, progettisti e disegnatori, 4 direttori di settore e oltre 70 operai specializzati.

25.6.21

I nostri partner

Per un servizio di qualità a 360°

14.2.21

Veragouth e Xilema ha scelto Minergie

La scelta migliore in termini di sostenibilità

13.2.21

Il Rovere (o la Rovere)

Il legno principe in falegnameria

9.2.21

Simone Cavadini

Still life per Veragouth e Xilema

8.2.21

Un padiglione nel verde

Casa al boschetto

6.2.21

La falegnameria su misura

Qualità che si riconosce al primo sguardo

2.2.21

Innesti su misura e il colore caldo del legno di rovere

Casa alle vigne

10.1.21

Veragouth e Xilema partner industriale in progetti di ricerca

Una responsabilità per il futuro

25.10.20

Nuova stazione di ricerche agronomiche

Agroscope

20.10.20

Ampie vetrate complanari, una scelta di tecnologia svizzera

Casa agli Orti

13.2.21

Il Rovere (o la Rovere)

Il legno principe in falegnameria

Il Rovere, o la Rovere, è propriamente una quercia semi-caducifoglia di prima grandezza, appartenente alla famiglia delle Fagacee. Il nome deriva dal latino robus, roburis al genitivo, che significa in generale “quercia” e vale “legno duro, forte”. La parola ha la stessa radice semantica di robur: forza, robustezza: robusto e rovere hanno quindi la medesima etimologia, e già questo ci dice molto del legno di rovere e dei suoi molteplici impieghi.

Come pianta, il Rovere è diffuso un po’ in tutta Europa e in Anatolia (ma c’è anche un Rovere americano e un Rovere giapponese), cresce fino a un’altezza di oltre 30 metri e raggiunge i 500-800 anni d’età, arrivando alle sue dimensioni massime definitive a 120-200 anni.

Va però precisato che se la botanica definisce Rovere una particolare quercia (Quercus petrea), in falegnameria “rovere” è il nome commerciale del legno che si ricava dagli alberi dell’intera famiglia delle Fagacee, che comprende la Quercia, la Farnia, il Leccio ed il Cerro.

Ottimo equilibrio fra raffinatezza e prestazioni, perché ha una buona resistenza meccanica, elevata durezza, stabilità e durabilità, caratteristiche che migliorano con la stagionatura.

Il legno di rovere è il protagonista assoluto della categoria “legni a vista” in falegnameria, dove si utilizza al naturale, sbiancato, tinto, per esterno e per interno. Per il suo colore caldo di un bruno tendente al giallo, è molto apprezzato nell’arredamento. Inoltre presenta un ottimo equilibrio fra raffinatezza e prestazioni, perché ha una buona resistenza meccanica, elevata durezza, stabilità e durabilità, caratteristiche che migliorano con la stagionatura. Resistente alle intemperie, così come ai funghi e alle muffe, non teme l’umidità, si lavora facilmente, ha buona attitudine all’assemblaggio (con colla, viti e chiodi) e alla finitura, si presta a realizzare superfici curve. Per quest’ultima caratteristica, il rovere si è da sempre utilizzato per la costruzione di imbarcazioni e come legname per botti, dove la sua fortuna si deve però anche al suo alto contenuto di tannino, un composto chimico che conferisce alle botti di rovere un aroma molto apprezzato e permette al legno di resistere alla fermentazione dei mosti.

E saltando di palo in frasca, si chiamava Della Rovere uno dei più celebri pontefici del Rinascimento, quel Giulio II cui si deve a inizio Cinquecento l’avvio di un grandioso programma di rinnovamento artistico della città eterna come sede terrena della Chiesa universale. Giulio II, il papa che poteva permettersi di avere al soldo Bramante, Michelangelo e Raffaello, volle che nel suo stemma araldico campeggiasse ricca di ghiande una gran pianta di Rovere.

Crediti:

ETH-Bibliothek Zürich, Bildarchiv
Foto: Arnold Heim